sabato 22 dicembre 2012

Incontro con Licia Troisi :)

Buonasera a tutti! So di essere stata assente per un po' di tempo, ma gli impegni sono davvero molti e conciliare studio, scrittura, visite archeologiche e riposo è un po' complicato per il momento.
Ieri sono terminate le lezioni e quindi da oggi vacanzaaaaaa! Che belle le feste natalizie!
Questo pomeriggio però ho incontrato la mia scrittrice preferita in assoluto che merita un post tutto per sè: la grande Licia Troisi! 
L'ammiro moltissimo. Diciamo che avevo iniziato ad immergermi nella letteratura fantasy con Marion Zimmer Bradley e la saga del Giglio. Durante l'estate dei miei 18 anni, se non ricordo male, mia zia mi regalò un libro, in edizione economica, Oscar Mondadori, copertina scura e sfondo di una strana città, una ragazza con un vestito da combattimento rigorosamente nero in primo piano, un elmo con due ali di drago sulla testa e in mano una spada molto molto speciale (quella di cristallo nero). Le sue orecchie appuntite non si vedevano, ma spuntavano dei ciuffi blu e gli occhi erano viola. Era Nihal della Terra del Vento, la mia eroina, la mia amica che mi ha tenuto compagnia insieme a Sennar, Ido e al Tiranno durante quelle vacanze. 




E da quella saga trassi una frase che divenne la mia preferita, che leggevo sempre prima di ogni esame per infondermi coraggio. La disse Ido a Nihal: <<La paura è un'amica pericolosa: devi imparare a controllarla, ad ascoltare quello che ti dice. Se ci riesci, ti aiuterà a fare bene il tuo dovere. Se lasci che sia lei a dominarti ti porterà alla fossa>>.
Licia e i suoi personaggi rimasero sempre con me e continuai a seguire la mia autrice con Dubhe e Adhara, ma anche con Sofia la ragazza drago e Thuban, oppure con I dannati di Malva. Nel frattempo ammiravo tantissimo anche i disegni di Paolo Barbieri, un artista, che con la sua mano riesce a dar vita a personaggi che venivano descritti solo tramite parole.
Infine eccoci giunti ai regni di Nashira e alla sua protagonista Talitha insieme al fedele Saiph che mi portano a viaggiare in mondi paralleli e fantastici.
Oggi quando ho visto Licia a Parco Leonardo non sono riuscita a dire molto a parte un "Tantissimi complimenti cara Licia! e Tanti tanti auguri!". Avrei voluto dire che anche io sono una scrittrice esordiente, che adoro il fantasy e che è gran parte merito suo se sono diventata così appassionata di questo genere, ma la timidezza e l'emozione mi hanno bloccata.



In ogni caso, sono riuscita a farmi una foto con lei e ho un libro autografato che rientrerà tra i miei tesori.
Ecco, oggi sono davvero felice. Grazie Licia.

Nessun commento:

Posta un commento