lunedì 3 dicembre 2012

Lùs e Ray, i figli di Poseidone

Proprio oggi sono arrivata a 500 visualizzazioni del mio blog! E' un bel traguardo!
Ovviamente non è normale che di lunedì mattina io stia qui a scrivere, infatti sono moribonda, a casa con un raffreddore micidiale, mal di testa e dolori vari. Sembra che mi abbiano menato per come sto, invece è solo influenza. Non ho nemmeno fatto in tempo a prendere il vaccino. Non c'è niente da fare: io e l'inverno siamo due entità a parte che non andranno mai d'accordo, per quanto poi mi possano piacere parecchie sue caratteristiche (Natale e feste varie, luci, neve, cioccolata calda e chi più ne ha più ne metta). E' solo evidente che una lucertola non potrà mai vivere al Polo Nord come un orso polare nel Sahara. Ecco, io non sono fatta per questa temperatura. Credo emigrerò...

Proseguo a descrivere i personaggi del Regno dell'Acqua con Lùs, il Tritone, figlio di Poseidone, fratello di Liàn e del piccolo Ray.
Christine lo incontra durante il suo primo "viaggio" ad Altamarea quando il piccolo Ray le nuota incontro sbucando dalla folla e Lùs lo va a riprendere.
Il Tritone si presenta come di bell'aspetto: agile, muscoloso, occhi verdi e profondi, capelli biondi, indossa un mantello di alghe intrecciate e una leggera armatura dorata.
Al di sotto di quella leggera armatura, vi è però il ciondolo a forma di iride rossa, ciò che permette alla magia del Cavaliere di essere in suo possesso, sotto il suo stretto controllo. Ed è anche per questo motivo che Lùs aiutò il Cavaliere a imprigionare Liàn per ricattare Poseidone.
Ora, le mire di potere del Cavaliere sono indirizzate direttamente al trono del Regno che però è ricoperto dalla neo Principessa. Lùs è quindi utilizzato per incantare Christine e leggerle nel pensiero. Verrà quindi a sapere che le intenzioni di Christine sono quelle di modificare il Patto e che la Principessa è segretamente innamorata del suo Portavoce.
La velata invidia, che il Tritone provava quando non era assoggettato, viene amplificata dalla magia del Cavaliere. Lùs vuole quindi uccidere Stephenyl per sposare la Principessa e avere il Regno per sè.
Una serie di vicende fanno sì che il ciondolo a forma di iride venga rotto da Nessie e l'incanto malvagio scompaia.
Lùs tornerà ad essere il normale Tritone che era prima dei piani del Cavaliere, nonostante la sua reputazione ora sia totalmente rovinata.
Christine, appurato il fatto che le sue azioni erano state dettate solo dalla magia oscura, vuole perdonarlo e dargli fiducia: lo nomina infatti comandante delle Truppe Oceaniche e, come tale, il Tritone ha diritto a prendere parte al nuovo Consiglio Acquatico.
Lùs sarà sicuramente uno dei personaggi fondamentali per lo svolgimento della guerra che i Principi si apprestano a combattere.




Parlerò qui anche del piccolo Ray. La sua è una parte un po' ridotta, ma ugualmente importante. Se non fosse stato per lui, infatti, Christine non avrebbe conosciuto Lùs e tanto meno avrebbe saputo di sua sorella Liàn imprigionata nel Vortice Oltremare. E' lui che continua a implorare suo padre, Poseidone, a chiedere alla Principessa di darsi da fare per riportare la sorellina a casa.
Somiglia molto a Lùs nell'aspetto fisico: i suoi occhi sono verdi e la pinna ha il loro stesso colore, mentre i capelli sono biondo cenere.
Nell'abbracciare il piccolo Tritoncino, Christine pensa a sua sorella Valenthine quando da piccolina andava disperata da lei a chiedere aiuto.

Anche per oggi vi saluto e riguardatevi con questo freddo... eeeeetciù! Sto messa proprio maluccio... Prometto di riprendermi il prima possibile...

p.s. Qualche giorno fa ho di nuovo tentato la spedizione del mio manoscritto a due case editrici importanti. Mia sorella Valentina tifa per una in particolare dicendo che secondo lei il mio romanzo fa proprio per quella casa editrice. Io incrocio le dita. Sarebbe un bellissimo regalo di Natale.

Nessun commento:

Posta un commento